Dal 1850 carni scelte e salumi trentini

Preparato solo con carni selezionate, riposa per venti giorni in infusione con bacche di ginepro, rosmarino e spezie. Dopo una lenta cottura a vapore a bassa temperatura viene affumicato con legno di faggio e ginepro.

Un mese di stagionatura dona alla carne la giusta consistenza per affettare la pancetta più sottile e per apprezzare appieno il suo sapore dolce ed equilibrato.

Il guanciale viene prima ricoperto completamente di sale grosso per quattro giorni, quindi lavato e subito avvolto in abbondante pepe nero macinato, per poi riposare sui graticci per due mesi.

Il segreto della goccia reale sta proprio nella macinatura fine delle carni, che fa sì che il sapore marcato del cervo si amalgami con gli aromi delle erbe della montagna.

I nostri nonni la preparavano con questa stessa ricetta. Prima dell’affumicatura con legno di faggio e ginepro rimane a marinare per venti giorni in infusione con erbe e aromi.

Ricco di aromi, viene preparato con cosce di media dimensione. Per questo stagiona più rapidamente mantenendo i profumi dell’affumicatura e delle spezie. La selezione meticolosa delle carni e la lavorazione tradizionale sono gli unici segreti di questo speck.